Il MAC Saxophone Quartet nasce nel 2010 da quattro solisti che vantano numerose ed importanti collaborazioni musicali e numerosi primi premi in concorsi nazionali ed internazionali.
Diplomati con lode si sono poi perfezionati con illustri Maestri quali J.M. Londeix, C. Delangle, V. David, J. Y. Formeau, F. Mondelci, M. Gerboni, M. Marzi.

Collaborano con orchestre sinfoniche come Orchestra Accademia del Teatro Alla Scala di Milano, Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, Orchestra G. Verdi di Milano, Orchestra del Teatro Lirico G. Verdi di Trieste, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, Orchestra FVG Mitteleuropa.

Intensa la loro attività concertistica in Italia (Ravenna Festival, Biennale di Venezia, Stage Internazionale del Saxofono di Fermo, etc.) e all’estero (Russia, Stati Uniti, Brasile, Australia, Lituania, Slovenia, Croazia, , Germania, Austria, Libano, Oman). Apprezzati da pubblico e critica i lavori discografici “Faces” (2011), “Zahir” (2013), e “Viaje” (2016). Molto attivo anche sul versante contemporaneo, il quartetto è stato dedicatario di meravigliose pagine scritte dai maestri S. Movio, P. Ugoletti, P. Ros, D. Lazzaron, R. De Giacometti, C. Corazza, A. Cuozzo.

Il quartetto si è esibito in prestigiosi eventi come il “World Saxophone Congress” di Zagabria, il “Navy Band International Saxophone Symposium” di Washington D.C. e ha collaborato con artisti come R. Plano, L. Cottifogli, V. Sivilotti.
Il MAC Saxophone Quartet tiene regolarmente corsi di perfezionamento ed è fondatore del MAC Saxophone Meeting di Riardo (CE) e del Pontebba Saxophone Festival (UD).

Stefano Pecci

sassofono soprano

Luis Lanzarini

sassofono contralto

Alex Sebastianutto

sassofono tenore

Valentino Funaro

sassofono baritono

Video

Discografia

L'uomo mascherato

Nel mondo contemporaneo intriso di elementi multimediali, dove la velocità ed il movimento rappresentano lo status dell’uomo moderno, si inserisce il nuovo progetto del MAC Saxophone Quartet in sinergia con l’eclettica voce della cantante Luisa Cottifogli su musiche originali del compositore Valter Sivilotti.

Uno spettacolo estremamente versatile ed accattivante che parte dall’idea dell’utilizzo della multimedialità, in particolare con la proiezione di un fumetto in interazione con musica, canto e recitazione.

La musica non è utilizzata da Valter Sivilotti come semplice sonorizzazione delle immagini bensì in interazione ed in compartecipazione allo svolgimento della storia, amplificando aspetti del racconto in una forma legata alle espressioni della contemporaneità, comprese quelle più connesse al mondo della musica colta.

Questo è possibile grazie all’ottima sinergia ottenuta dal MAC Saxophone Quartet, a suo agio in quel tourbillon di stili e generi che hanno caratterizzato il ‘900 musicale fino ai giorni nostri, e alla voce di Luisa Cottifogli che, grazie alla grande duttilità e versatilità, presenta atteggiamenti molteplici che vanno dal cantato alla voce recitata, dal sussurro alla voce “rotta”.

Il tutto in un’enfasi di interazione/animazione, dove l’aspetto ludico diventa parte integrante dell’esperienza grazie alle possibilità espressive messe in gioco in questo progetto: aspetti del racconto rivivono in maniera ora reale ora distorta ora grottesca, conferendo al pubblico la possibilità di vivere e rivivere aspetti legati all’infanzia e ad ogni momento della vita reale in una sinestesia di sensi ed emozioni che ci accompagnano durante il nostro percorso di vita.

ARTISTI

Luisa Cottifogli – voce

www.luisacottifogli.com

MAC Saxophone Quartet

www.macsaxophonequartet.com

Valter Sivilotti – composizioni

www.valtersivilotti.com

Gershwin/Bernstein

Dinamico e ambizioso progetto musicale in cui il suono caldo, appassionante e persistente del sassofono si unisce alla brillante purezza del pianoforte e all’ancestrale ritmo degli strumenti a percussione.

Un prezioso distillato sonoro che sintetizza in pochi elementi il grandissimo potenziale timbrico di un’intera orchestra sinfonica. Un’inedita e coinvolgente interpretazione riesce a far brillare e vibrare i capolavori di due dei musicisti più rilevanti del ‘900 nordamericano: George Gershwin e Leonard Bernstein.

La musica sinfonica americana del ‘900 racchiude in sé tutti gli elementi che caratterizzano quel grande Paese: le varietà culturali delle popolazioni si fondono in una nuova orgogliosa identità americana; un nuovo popolo e una nuova nazione che racchiude nella propria musica i ritmi incalzanti caraibici, il canto gospel/blues, il nascente jazz e la tradizione accademica degli europei. Il genio di Gershwin e Bernstein è stato quello di sublimare tutte queste caratteristiche in modo ordinato ed equilibrato, permettendoci di cogliere liberamente e facilmente il “sogno americano” in composizioni di eccellente cifra anche a livello formale.

ARTISTI

Roberto Plano – pianoforte

www.robertoplano.com

MAC Saxophone Quartet

www.macsaxophonequartet.com

Alessio Benedetti – percussioni

Valter Sivilotti – arrangiamenti

www.valtersivilotti.com

Repertorio

TitoloArrangiato perComposto da
West Side Story, Danze Sinfoniche
Prologue (Allegro moderato)
Somewhere (Adagio)
Scherzo (Vivace e leggero)
Mambo (Meno presto)
Cha-Cha (Andantino con grazia)
Meeting Scene (Meno mosso)
Cool Fugue (Allegretto)
Rumble (Molto allegro)
Finale (Adagio)
pianoforte, quartetto di sassofoni e percussioniLeonard Bernstein
Rapsodia in blupianoforte, quartetto di sassofoni e percussioniGeorge Gershwin
Overture Cubanapianoforte, quartetto di sassofoni e percussioniGeorge Gershwin

Questo progetto vede protagonista un ensemble d’eccezione, frutto della straordinaria collaborazione fra musicisti italiani di primissimo livello.

Al pianoforte Roberto Plano, concertista di fama mondiale che, dopo la vittoria al Cleveland International Piano Competition si è affermato come uno dei più raffinati pianisti del panorama internazionale. Ha tenuto concerti e corsi di perfezionamento in tutto il mondo. Ha all’attivo incisioni per le più importanti case discografiche fra cui la recente collaborazione con “Decca”. Quest’ultimo disco è stato recensito con 5 stelle dai mensili Musica e Amadeus. È stato inoltre il primo italiano ad essere nominato docente titolare presso la prestigiosa Boston University.

Il MAC Saxophone Quartet è considerato uno dei più rilevanti quartetti di sassofoni d’Italia: vincitore di concorsi internazionali e fondatore di due importanti festival sassofonistici, ha prodotto importanti lavori discografici molto apprezzati da pubblico e critica. È composto da quattro solisti di prim’ordine quali Stefano Pecci, Luis Lanzarini, Alex Sebastianutto e Valentino Funaro riuniti in una formazione dinamica e di altissimo profilo artistico, capace di interpretare con grande padronanza tecnica e fedeltà stilistica sia i capolavori del repertorio classico sia le composizioni d’avanguardia. A questo si aggiungono un innato gusto musicale ed un impasto sonoro squisitamente italiano che esalta tanto la fusione timbrica dell’ensemble quanto le peculiarità dei singoli elementi.

Completano l’organico le percussioni di Alessio Benedetti, straordinario musicista che, dopo essersi perfezionato con i più prestigiosi maestri internazionali, ha avviato collaborazioni con rinomate realtà italiane. Percussionista eclettico, riesce ad interpretare ad altissimi livelli programmi che spaziano dal repertorio classico al jazz fino al genere latino-americano.

Gli arrangiamenti sono a cura di Valter Sivilotti, pianista, compositore e direttore d’orchestra tra i più acclamati della sua generazione. Innumerevoli e di grande successo sono le sue collaborazioni con i più importanti nomi internazionali, sia appartenenti al mondo della canzone d’autore che provenienti dalla musica classica. Le sue composizioni musicali, per le quali ha ricevuto prestigiosi premi, vengono eseguite nei teatri di tutto il mondo.